Vietato parlare albanese in ufficio

4apvDoveva essere una goliardata tra colleghi, ma una foto pubblicata su Facebook è arrivata fino sui portali albanesi creando non pochi malumori

 L’immagine di un cartellone appeso in un ufficio svizzero ha fatto il giro della rete durante il weekend: il manifesto illustra chiaramente il divieto di parlare albanese in ufficio. I collaboratori sono invitati a esprimersi in una lingua nazionale.

La fotografia è stata scattata in un ufficio del Canton Turgovia, come ha dichiarato a 20 Minuten l’uomo che l’ha pubblicata in rete. Il quale di certo non si aspettava il polverone che avrebbe scatenato e ne è rimasto sconvolto. Ma il web, si sa, non sempre aspetta le spiegazioni e dopo essere apparsa sulla pagina di un gruppo Facebook, l’immagine ha iniziato improvvisamente a diventare virale, tanto che è stata ripresa da alcuni media del Kosovo e dell’Albania.

Ma esiste davvero questo divieto? Ci sono uffici svizzeri in cui l’uso della lingua albanese è così diffuso e dà così fastidio da dover essere necessario un divieto? No. Si tratterebbe solo “di uno scherzo tra colleghi”, racconta l’uomo. “È stato fatto solo per divertimento. Nella nostra azienda non esiste nessun divieto di parlare albanese”. Se avesse immaginato che la fotografia sarebbe stata interpretata in questo modo, aggiunge, non si sarebbe sognato di postarla su Facebook. Anche perché lui stesso è di origini albanesi e ora teme seriamente per il proprio posto di lavoro. I responsabili dell’azienda, ieri, non sono stati raggiungibili. /tio.ch/

Comments

comments

You might also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *