Albania meta turistica del 2017

Ormai da qualche anno l’Albania è un Paese molto in ascesa turisticamente parlando e molto frequentato da turisti europei

“L’Albania è un Paese emergente, ormai rinnovato nelle infrastrutture e nelle strutture alberghiere, e adeguato agli standard europei a tutti i livelli. E’ considerata la meta turistica del 2017″. Non ha dubbi in merito Ombretta Fresco, titolare della adv Dreams Beach – La Playa del Sol – “L’agenzia viaggi intellettuale” Geo Travel agenzie associate, che il Paese lo conosce molto bene visto che il suo punto vendita da qualche anno si sta proponendo come tour operator verso l’Albania. A fine gennaio organizzerà un educational di 5 giorni con partenza da Verona.

Da qualche anno l’Albania è un Paese “molto in ascesa turisticamente parlando e molto frequentato da turisti europei”. Per quanto riguarda i bacini che hanno già sviluppato dei flussi, la meta è frequentata da turisti tedeschi, britannici, australiani e americani. Il mercato italiano? “Si sta affacciando da poco al Paese, che soffre purtroppo ancora di vecchi pregiudizi”.

Come sottolinea Ombretta Fresco, si tratta di una destinazione “adatta a viaggiatori curiosi e colti, appassionati di storia e mentalmente aperti, che hanno già visitato molti Paesi lontani e non, ma nulla sanno dell’Albania e ne sono incuriositi”. E’ adatta più ad un turismo “di gruppo, ma anche individuale”. Oltre al classico turismo archeologico, può proporre anche forme di ecoturismo/slow tourism nelle zone montane adatte agli amanti della natura e dell’escursionismo. “L’offerta è sensibilmente migliorata – spiega a Guida Viaggi -, con alcuni hotel 3* di buona qualità e di tipo tradizionale in alcune località antiche come Argjrocastro o Berat, ma la maggior parte sono hotel 4 o 5* di nuova costruzione”. I collegamenti? Sono via aerea su Tirana, “unico aeroporto, da molte città italiane. E’ possibile anche il collegamento marittimo da Ancona, Bari, Brindisi e Trieste. Negli ultimi anni hanno realizzato anche due ottime autostrade”.

Comments

comments

You might also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *